sabato, marzo 22, 2008

by Pantarei_2005

Non mi basta l’acqua
che spegne la mia sete

né il vitto
che soddisfa la mia fame
se il mio spirito
soffre l’aridità,
avverte il vuoto
che non si colma,
se i miei occhi intorno
soffrono il disagio
dell’ipocrisia sfuggente,
del vacuo giudizio
della gente

vorrei abbattere le mura
della cattiveria umana
voltarmi
senza subire il sibilo
di lama tagliente
guardare
con occhi capaci di riflettersi
abbracciare
sentendo dentro la mia pelle
il calore dell’altro

sento sfibrarsi
il mio spirito
come un vestito
che spoglio
si affloscia nel suo lato

tocco
l’amarezza dell’anima
che non arriva a far brillare
la sua luce
e incompresa
scivola
tra le voragini di una grotta
dove non può arrivare
il bagliore che riscalda la terra

stretto nelle mie braccia
il capo cingo
alle mie ginocchia
nascondo
la mia amarezza

se solo i tuoi occhi
sapessero penetrarmi
essere purezza
semplice fratellanza
mi vedresti
ritto sulle mie ginocchia
braccia allargate
per avvicinare
quell’amore
capace
di saziare
il mio animo

2 commenti:

  1. Sono arrivata per caso ...e sono rimasta encantata delle tue fotografie ...che tanta vita nel tuo blog ...a presto!!!!

    marta in live
    http://martainlive.blogspot.com/

    RispondiElimina

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ