giovedì, gennaio 04, 2007

La mia isola


Forse il destino della gente è quello di viaggiare sempre e di non fermarsi mai,
ogni giorno andare in posti sconosciuti in cui non si è mai stati
è così che mi sento anch’io, con lo zaino in spalla, guardo lontano e vado via
forse in un porto con un forte odore di gasolio....
indecisa mi fermerò, guarderò il mare, studierò il vento, salirò a bordo poi di sicuro
io salperò.-
Lo sai come mi sento,
io con una mela in tasca, io che guardo le stelle e vado via....
tra le onde di una tempesta stringerò i denti, ma di sicuro ce la farò
poi solo mare, poi solo sole e....sale la prua a ovest verso il tramonto,
navigherò è così che mi sento
io x solo pane e acqua.... io che guardo il cielo e...
vado via verso una terra di ombra e di sole,
azzurro e arancione il cielo che mi aspetta là,
vento dolce, lino e cotone, voci lontane
sere di stelle già le vedo..
Ecco come mi sento io
apro gli occhi
e vedo la mia isola.
Ecco come mi sento
terra di metri poco quadrati, angoli smussati, poco appuntiti
la bacerò, l’abbraccerò, terra di tempo
poco preciso, poco scandito, poco contato
l’abbraccerò la bacerò ecco come mi sento io
apro gli occhi io
ecco la mia isola....

Nessun commento:

Posta un commento

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ