venerdì, aprile 04, 2008


Un giorno, il cavallo di un contadino cadde in un pozzo.
Non riportò alcuna ferita, ma non poteva uscire di lì da solo.
Per molte ore l’animale nitrì, disperato, mentre il contadino pensava a cosa avrebbe potuto fare.
Alla fine, il padrone, pensando che il cavallo era già molto vecchio e non serviva più a niente e anche il pozzo oramai era asciutto e aveva bisogno di essere chiuso in qualche maniera, prese una decisione crudele.
Non valeva la pena sprecare energie per tirar fuori il cavallo dal pozzo, perciò chiamò i suoi vicini affinché lo aiutassero a interrare il cavallo.
Ciascuno prese una pala e cominciò a gettare della terra dentro il pozzo.
Il cavallo non tardò a rendersi conto di quel che stavano facendo e pianse disperatamente.
Con sorpresa di tutti, tuttavia, dopo che ebbero spalato molta terra, il cavallo si calmò.
Il contadino guardò in fondo al pozzo e con stupore vide che ad ogni palata di terra che gli cadeva sulla schiena, il cavallo la scuoteva, salendo quindi sopra la stessa terra che cadeva ai suoi piedi.
Così, in poco tempo, il cavallo riuscì a raggiungere la bocca del pozzo, scavalcarne il bordo e uscire da lì trottando felice.


Morale della favola :


La vita ci getta addosso molta terra, di tutti i tipi, soprattutto se siamo già dentro un pozzo.
Il segreto per uscirne è scrollarsi la terra di dosso e salirci sopra; ognuno dei nostri problemi è un gradino che ci conduce alla cima.
Possiamo uscire dai buchi più profondi se non ci daremo per vinti.

Usiamo la terra che ci tirano per fare un passo verso l’alto !
Accettiamo quindi la terra che ci tirano addosso, poiché essa può diventare la soluzione invece che il problema.

Nessun commento:

Posta un commento

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ