domenica, marzo 04, 2007

Lettera ‘n forma de poesia... a mi’ Madre C.J.



Nun zo comm’è, a Ma’, ma proprio ogni vorta che te penzo me ritrovo coll’occhi lucidi che sembro quann’ero raffreddato.
Io che ce lo sai nun t’ho pianto nianche ar funerale a sanlorenzo ma mo me viè ccosì ogni vorta, eppure 'n lustro’è già passato.
Puro adesso che sto a scrive ste parole me sento un nodo ‘n gola.
Lo sò che nun so’ cose che se dicheno, bigna da falle ‘n silenzio Ma ‘sta lacrima che se sporge tra le ciglia pe’ vede’ si nun è sola nun s’accontenta mica de guardà, se sporge giù e cade a precipizio.
Che t’ho da di? ‘n sacco de cose, la prima è c’ho ‘n antra donna, una nova e sembra de sentitte:” ‘N antra? E tu moje? E’ tanto cara, che cacchio fai? Te vole bene, nun t’accontenti mai ? Ma quando cresci? Che c’hai n testa? Du' ova? Tante n’hai cambiate che nun so più contalle, sei er solito casinaro, sempre a fa’ guai!!
A Ma’, lo sai, a te nun lo devo proprio da spiegà: la vita è una e puro quann’è lunga é corta.
Nun so che ditte, me capita così, io me ‘nnammoro e nun resisto me lascio anna’ e me ce butto.
Lo so che somijio allo ziomario, casinista e mezzo pazzo puro lui, l’hai detto più de na vorta, ma so che finirebbe tutto lì co’ te che chiami la mia ex ar telefono e dai la corpa a me de tutto.
C’ho sempre la moto, Ma’, e vado sempre sott’acqua, sono la chitara e come vedi scrivo duro.
Va quasi tutto bene, ar lavoro i soliti casini, me copro se fa freddo e cerco sempre de sta’ attento.
La salute va quasi sempre bbene, papà sta bbene è venuto a vive qui su ar nord lui puro.
Ha vennuto la casa e ha mollato tutto, nemmeno lui riusciva a sta da solo senza ‘n tu’ commento,
E’ morta zialba certo lo ce sai, ce mancherebbe artro adesso che te l’ annuncio pe primo io, così.
Nun so’ com’ de ‘lla la storia ma certo quarcosa gira ‘n tonno pe’ riportacce indietro li ricordi e l’atre cose.
Ogni tanto rivedo l’urtimo sguardo tuo, che solo tu sapevi fosse l’urtimo e me sento proprio de svenì.
A quanto tempo me so perzo de te e delle tue parole, lo sai conservo ancora quella lettera e quelle rose.
Te potrei parlà pe’ ore, a Ma’, ma a parte che non posso scrive tutto inzieme quello che te vorrei da dì.
C’è er fatto de ‘ste lacrime che non smettono de scenne e a dì er vero me sento un ber po’ strano.
A cerca da trattenemme de nun piagne come vorrei, domani lo racconto alla mia nuova lei che po’ capì.
Perché è l’unica che sa quanto me manchi e come vorrei, a Ma’ che fossi qui a prenneme pe’ mano.

Nessun commento:

Posta un commento

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ