sabato, settembre 22, 2007

... ed il mio sogno ?



Chiunque tu sia, che passi di qui.
Ma non uno qualsiasi, non il più desiderato o il più sperato, o quello a cui pensi in continuazione.
Parlo di quel sogno che hai sepolto nel più recondito buio e gelido, anfratto della tua mente, o tra le pieghe più oscure e pesanti dell' anima o dietro qualche intricata ragnatela di brina del tuo cuore, perché ti ha deluso e non riesci a non incolparlo, per non essere mai riuscito a realizzarlo.
Così, con il tempo lo hai dimenticato, al punto da non rammentare neppure più di averlo mai avuto.
Intanto la vita ti ha travolto, ormai sorridi solo quando ti conviene o dietro esplicito comando, sei incapace di donare baci, carezze ed emozioni, perchè non sai più usare bocca, mani ed occhi, per farlo.
E lui è svanito, confuso nel gusto amaro del caffé, bevuto in piedi, di fretta ogni mattina, mentre ti ostini a tenere ancora gli occhi chiusi, per non vedere il giorno che ti aspetta, prima ingrigito dal sudore di troppo lavoro e poi sbiadito, lavato via fino a scomparire, dall’acqua delle troppe docce, fatte di corsa, per non perdere il treno di altre chimere, che ti sembravano più grandi o più degne.

E’ lui che quando l’inquietudine ti afferra forte per i polsi, stringendoti alle corde, bussa in silenzio e urlando muto, ti chiede ogni volta ancora un’occasione...

Nessun commento:

Posta un commento

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ