martedì, maggio 25, 2010

...ma siamo noi i responsabili ?

Sacrifici ma ( ? ) equi, tutti siano ( ? )  responsabili.

Gianni Letta: " saranno pesanti, ma speriamo provvisori ".
Sacrifici ma con equità e da tutti " senso di responsabilità " nell'interesse comune. 
Il dossier sulla crisi economica e internazionale, le fibrillazioni dei mercati e le sorti dell'euro sono fin dal primo giorno al centro della visita negli Stati Uniti del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Oggi il Capo dello Stato sarà ricevuto dal presidente americano Barack Obama e come ha spiegato lui stesso parlando con i giornalisti i " temi scottanti " delle difficoltà economiche dell'Europa saranno uno dei 'piatti forti' del colloquio.
Il tema abbraccia l'Ue e ovviamente l'Italia alle prese, proprio in queste ore, con la manovra 2011-2012 che sarà varata oggi dal Consiglio dei ministri.
L'attenzione sul tema dell'inquilino del Colle non è mai mancata - tanto che il presidente ha incontrato ben 2 volte nel giro di pochi giorni il ministro dell'Economia Giulio Tremonti - e ieri Napolitano ha lanciato un appello al senso di responsabilità da parte di tutti.
Né va, infatti, dell'interesse generale dell'Italia messo davanti a gravi difficoltà e all'urgenza di ridurre il debito pubblico, come ha ricordato proprio oggi lo stesso Fondo monetario internazionale paventando una vulnerabilità a possibili " capovolgimenti nell'atteggiamento del mercato ".
" Le decisioni - ha osservato Napolitano rispondendo a una domanda dei giornalisti al termine della sua visita alla National Gallery of Art - devono essere prese responsabilmente dalla maggioranza " e la stessa responsabilità deve appartenere " alle forze di opposizione in Parlamento nel comune interesse " dell'Italia.
Non significa, ovviamente, indicare all'opposizione la strada del voto a favore della manovra del governo ma l'appello del presidente è al confronto e alla condivisione delle scelte essenziali ed urgenti per il bene dell'Italia.
Da una parte e dall'altra, insomma, si deve essere consapevoli che questo non è terreno né per uno strumentale scontro politico né per corse in avanti.
Di certo, dice il sottosegretario alla Presidenza del consiglio Gianni Letta, ci saranno " sacrifici molto pesanti, molto duri che siamo costretti a prendere, spero in maniera provvisoria, con una temporaneità anche già definita, per salvare la nostra Italia dal rischio Grecia ".
L'opposizione apprezza l'appello di Napolitano: il vice segretario del Pd Enrico Letta ci sarà " come sempre un atteggiamento di responsabilità rispetto agli interessi dell'Italia " e che sulla manovra " non c'è un giudizio pregiudiziale ma improntato a obiettivi di crescita, equità e rispetto delle regole ".
Del resto è l'ora dei sacrifici per tutta Europa.
Apprezzamento per Napolitano anche da IDV, che però invita il Governo a fare chiarezza e, dice il portavoce Leoluca Orlando, a " venire in Parlamento ".
Napolitano, che anche nei giorni scorsi ha auspicato scelte incisive da parte dell'Ue nell'ottica " di una più efficace integrazione ", ha ripetuto oggi che " per una finanza pubblica più solida occorre ridurre il debito pubblico, cosa che implica sacrifici che devono essere fatti ".
Sacrifici " spero - ha aggiunto - equamente distribuiti tra la popolazione ".
Di tutto questo Napolitano parlerà oggi con Obama molto attento e anche molto preoccupato dalle fibrillazioni dell'euro, dalle " decisioni non facili dei leader nazionali europei " e dalle difficoltà - e non si tratta solo della Grecia - delle economie europee.
Napolitano darà un " contributo " rappresentando il punto di vista italiano e quello, molto apprezzato dall'amministrazione americana, di europeista della prima ora, convinto che " un'Ue più unita e più integrata " sia sempre un interlocutore fondamentale per gli Usa.

Nessun commento:

Posta un commento

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ