domenica, aprile 18, 2010

Castello Svevo di Barletta

Nella città di Barletta, nota per il famoso episodio storico della '' disfida '' (famoso fatto d'arme - datato 1503 - tra cavalieri italiani e francesi, episodio, quest'ultimo, storicamente collocato nel quadro del conflitto tra Francia e Spagna per il dominio del Mezzogiorno italiano) sorge il castello Svevo, eretto dai Normanni nella seconda metà del XII secolo e incluso dall'imperatore Federico II di Svevia nel 1240 tra i castelli del Giustizierato della Terra di Bari.
Come per altri castelli della Puglia sono stati numerosi gli interventi nel corso dei secoli:
gli Angioini trasformarono il castello in fortezza e successivamente gli Aragonesi, con l'imperatore Carlo V, rafforzarono ulteriormente il ruolo di difesa della fortificazione.
Lo scenografico castello, oltre ad essere attualmente la sede di eventi e manifestazioni, ospita una pinacoteca con opere di De Nittis e un museo con un'interessante sezione archeologica :
- il busto di Federico II in pietra calcarea, risalente al XIII secolo
- il Sarcofago degli Apostoli, un altorilievo in pietra, unico al mondo, prima testimonianza del Cristianesimo a Barletta risalente al periodo compreso tra il III secolo e il IV secolo.

Ultime dal XIX secolo:
L'ultima vicenda militare che ha visto coinvolto il castello di Barletta è accaduta alle prime ore dell'alba del 24 maggio 1915, quando durante la fase iniziale della Prima guerra mondiale, le armate austriache colpirono con 6 colpi di cannone la facciata della cortina e del bastione settentrionale, esposti al mare.
Il Castello di Barletta riuscì a non subire ulteriori colpi grazie all'intervento del cacciatorpediniere Turbine, immolatosi al suo posto.
Nel settembre del 1943, durante la Seconda guerra mondiale, il Castello di Barletta è stato sede di un tenace presidio militare che ha opposto una strenua resistenza all'esercito tedesco, deciso ad occupare la città.
Nel 1946 viene disposta la messa in ordine dei giardini del castello, fino ad allora lasciati in disuso.
Tra il 1973 e il 1988 si sono tenuti i lavori di restauro dell'intera opera.
Il 7 dicembre 2002, dopo circa 2 anni di ulteriori restauri, che hanno visto la riqualificazione dei Giardini del Castello, trasformati in parco con aree attrezzate, l'intera area è stata restituita alla cittadinanza barlettana, che ne ha fatto un punto nevralgico del centro storico.

2 commenti:

Thank you so much...I love your comments.
Have a wonderful day.
by giorno26 ღ